COVID-19 – Inps – Tutto pronto per le domande di prestazione

COVID-19 – Inps – Tutto pronto per le domande di prestazione

Come anticipato dal prof. Pasquale Tridico, Presidente dell’Inps, sono state semplificate le procedure per l’accesso ai servizi web e per l’attribuzione dei PIN.

Le prestazioni saranno accessibili esclusivamente in modalità telematica attraverso una delle seguenti tipologie di credenziali:

  • PIN dispositivo rilasciato dall’Inps (per alcune attività semplici di consultazione o gestione è sufficiente un PIN ordinario);
  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di Identità Elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS).

L’Inps con il messaggio n. 1381 del 26 marzo 2020 ha fornito le istruzioni in merito a:

  1. Modalità semplificata di compilazione e invio on line di alcune delle domande di prestazione per l’emergenza Coronavirus
    con riferimento alle domande relative a:
    • indennità professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa;
    • indennità lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’AGO;
    • indennità lavoratori stagionali del turismo e degli stabilimenti termali;
    • indennità lavoratori del settore agricolo;
    • indennità lavoratori dello spettacolo;
    • bonus per i servizi di baby-sitting.

       

      La modalità semplificata consente ai cittadini di compilare e inviare le specifiche domande di servizio, previo inserimento della sola prima parte del PIN, ricevuto via SMS o e-mail, dopo averlo richiesto tramite portale o Contact Center.

      Con riferimento alla sola prestazione “bonus per i servizi di baby-sitting”, nell’ipotesi che la domanda sia stata inoltrata con il PIN semplificato, il cittadino dovrà venire in possesso anche della seconda parte del PIN, al fine della necessaria registrazione sulla piattaforma Libretto di Famiglia e dell’appropriazione telematica del bonus.

  2. Nuova procedura di emissione del PIN dispositivo tramite riconoscimento a distanza
    • l’Istituto è prossimo al rilascio di una nuova procedura di emissione del PIN con il riconoscimento a distanza, gestita dal Contact Center, che consentirà ai cittadini di ottenere, in un unico processo da remoto, un nuovo PIN con funzioni dispositive senza attendere gli ulteriori 8 caratteri del PIN che ordinariamente venivano spediti tramite il servizio postale.

Fonte: inps.it

Rispondi