COVID-19 Fase 2 Le prossime riaperture dal 4 Maggio

COVID-19 Fase 2 Le prossime riaperture dal 4 Maggio

Presentato dal Presidente Conte e subito pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DPCM con le disposizioni attuative per la Fase 2. Disposizioni che si applicano dal 4 maggio 2020 in sostituzione di quelle del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 10 aprile 2020 e sono efficaci fino al 17 maggio 2020.

Per quanto riguarda le attività di ristorazione, oltre alla consegna a domicilio sarà consentito l’asporto, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto e fermo restando l’obbligo di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, il divieto di consumare i prodotti all’interno dei locali e il divieto di sostare nelle immediate vicinanze degli stessi.

A partire dal 4 maggio potranno riprendere, tra gli altri:

  • L’industria manifatturiera, estrattiva, tessile, del vetro ed automobilistica;
  • Fabbricazione di mobili;
  • Le attività delle imprese di costruzioni;
  • Le attività di intermediazione immobiliare;
  • Il commercio all’ingrosso funzionale.

Per queste categorie, a partire dal 27 aprile, sarà possibile procedere con tutte quelle operazioni propedeutiche alla riapertura come la sanificazione degli ambienti e per la sicurezza dei lavoratori.

Per consentire una graduale ripresa delle attività sportive, a partire dal 4 maggio saranno consentite le sessioni di allenamento a porte chiuse degli atleti di sport individuali.

È consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari.

Per tutte le attività non sospese ai sensi del presente decreto è fatto obbligo di assicurare, oltre alla distanza interpersonale di un metro, che gli ingressi avvengano in modo dilazionato e che venga impedito di sostare all’interno dei locali più del tempo necessario all’acquisto dei beni.

Viene raccomandato inoltre l’applicazione delle misure di cui all’allegato 5 ed i contenuti del protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus covid-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Governo e le parti sociali di cui all’allegato 6, nonché, per i rispettivi ambiti di competenza, il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del covid-19 nei cantieri, sottoscritto il 24 aprile 2020 fra il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali e le parti sociali, di cui all’allegato 7, e il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del covid-19 nel settore del trasporto e della logistica sottoscritto il 20 marzo 2020, di cui all’allegato 8.

La mancata attuazione dei protocolli che non assicuri adeguati livelli di protezione determina la sospensione dell’attività fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.

Elenco Attività Aperte

Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure
per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro
24 Aprile 2020

Rispondi